Un caso cromosomico

assolo

di Gyula Molnàr e Irene Vecchia
con irene Vecchia

sculture di Ilaria Comisso

Spettacolo vincitore Primo Premio del progetto Cantiere
Incanti- Rassegna Internazionale di Teatro di Figura
nell’ambito dell’iniziativa Grimmland. Märchenhaft. Da favola! del Goethe-Institut

La saga non tutta muore se tanti la spargono: è anch’essa un dio immortale.(Esiodo,763)”
Questa frase i fratelli Grimm citavano in apertura alla prima edizione della loro raccolta di fiabe popolari. Come il codice genetico è un’eredità che si tramanda nell’unicità degli individui, così la narrazione epica si sparge in giro e genera evoluzioni a spirale, trasmettendo informazioni necessarie dei popoli.

La misteriosa storia di una famiglia è avvolta alle cose non dette, segreti genetici, azioni incompiute, scelte più o meno inconsapevoli, puntini da unire che danno una forma; e gira e rigira tutto torna: What goes around comes around (o quello che semini quello raccogli). Nonni, genitori, figli, come somme e moltiplicazioni, quello che c’è stato e quello che c’è; che cosa ci sarà? Nessuno è responsabile per le carte che ci vengono date, la differenza dipende da come le giochiamo. Così un errore congenito che ostina a ripetersi, talvolta per errore può correggersi. C’è qualcosa di brutale e senza pietà nel libero arbitrio, o meglio c’è una speranza nella predeterminazione.

Riscrittura liberamente tratta da “Certe favole si capiscono troppo tardi” di Marcello Fois, che a sua volta ha rivisitato una fiaba dei fratelli Grimm “Il vecchio e il nipotino”, è rappresentata in scena da un’attrice sola con piccole statue come pastori e burattini.
Ambientata a Napoli, senza tempo, è una storia che tratta di eredità genetica e non. Il mistero che avvolge l’identità di una persona è una storia di cronaca, una storia da analizzare. È un’indagine sul destino, o un racconto di come il destino possa modificare. Gli indizi si susseguono per fare luce sulla vicenda di una giovane donna, a cui seguirà una giovane donna, sulla linea del tempo che avanza a spirale, come ogni cosa cresce in natura. Una straordinaria storia di gente comune.
Certe favole si sono sempre raccontate, per insegnare, per divertire, per spaventare, certe favole ci piacciono tanto e non sappiamo perché le vogliamo sentire sempre, certe favole no. Certe favole si capiscono più tardi, certe favole non si comprendono mai. Bhè meglio tardi!

gallery

Un caso cromosomico image image image
image image image image image image image image image image image image image image image image image image image image image image

videogallery

video

condividi